Canine Bowen Technique

Origini

Negli anni 50 l’australiano Tom Bowen sviluppò una delicata, non invasiva forma di terapia (Terapia Tom Bowen) con la quale curava in quel tempo molte persone con successo.

All’inizio degli anni 90, questa terapia complementare usata sugli umani, viene per la prima volta implementata in Gran Bretagna: Sally e Ron Askew nel 2001 iniziano così ad adattare questa forma di terapia sui cani e di conseguenza a sviluppare la Canine Bowen Technique. In collaborazione, ma soprattutto con il sostegno, dei veterinari sono riusciti a utilizzare questo lavoro corporeo in modo efficiente nel campo comportamentale e per sostenere le riabilitazioni. 

 

Cosa viene fatto esattamente

Con la Canine Bowen Technique si lavora prima di tutto sulla fiducia. In questo lavoro che comprende tutto il corpo, è il cane a decidere il ritmo, la quantità e la durata: risulta quindi indispensabile che si senta a proprio agio e sicuro. Quando e se il cane è pronto, il/la Practitioner procede con mirati e delicati movimenti rotatori sopra i tessuti morbidi (muscoli, legamenti, tendini, ecc.) per stimolare i tessuti sottostanti e trasmettere messaggi al cervello. Le brevi pause tra un tocco e l’altro, decise dal cane o dal Practitioner stesso, sono molto importanti per fare in modo che il corpo e il cervello abbiano il tempo necessario per elaborare e assimilare le informazioni trasmesse.

 

Obiettivo

La Canine Bowen Technique è, come già detto in precedenza, un trattamento che comprende tutto il corpo, ciò significa non ci si può focalizzare solo su un problema esistente. L’obiettivo è di attivare il potere di auto guarigione ed aiutare il cane a trovare l’equilibrio interiore, ristabilendo così la qualità di vita ottimale. Purtroppo con la Canine Bowen Technique non si possono guarire delle malattie specifiche, tuttavia si possono rinforzare le energie interiori e dare così il sostegno che necessita il cane per poter vivere meglio con le sue difficoltà.

 

Cosa viene trattato

A differenze di altre terapie, più specifiche e mirate, e indipendentemente dall’età, possiamo trattare senza eccezione, qualsiasi cane, anche coloro che non hanno nessun problema di salute, per ridare o far mantenere al cane un equilibrio interiore ottimale.

  

Alcuni settori dove CBT potrebbe sostenere ed aiutare:

-          Lesioni acute, per esempio distorsioni / accavallamenti

-          Prima e dopo un intervento

-          Malattie croniche e malattie degenerative

-          Riduzione dello stress e tensioni d’ogni genere

-          Elaborazione dei traumi

-          Problemi comportamentali di ogni tipo

-          Disturbi dovuti all’invecchiamento

-          Supporto per cani da lavoro o fisicamente molto attivi

-          Ansie e abbandono

-          Misure preventive (paure dei rumori, viaggi in macchina, visite veterinarie, ecc.)

-          Artrosi

-          Problemi alla schiena

-          Displasia

-          Problemi all’udito

 

 
Come procedere

Prima di tutto si deve stampare il formulario da consegnare al veterinario che trovate in fondo alla pagina in formato PDF. Lasciatelo compilare dal vostro veterinario di fiducia (da non dimenticare la data, la firma e il timbro). Con questo formulario viene confermato che il cane è stato visitato almeno una volta negli ultimi 6 mesi e che il veterinario è d’accordo con il trattamento CBT (Canine Bowen Technique).

Di seguito bisognerà compilare un questionario con le informazioni necessarie per il CBT  Practitioner riguardanti il vostro amico a quattro zampe.

Riceverete in seguito un foglio di post-terapia con le indicazioni di cosa dovrete fare dopo la seduta di Canine Bowen Technique: non dimenticate che il vostro sostegno è di pari importanza alla terapia stessa.

 

Durata

Di solito la durata totale di una seduta è di un’ora. È molto importante che il cane abbia il tempo necessario per abituarsi all’ambiente circostante, alla situazione e a colui che andrà a lavorare sul suo corpo (Practitioner) perché la fiducia è una delle componenti più importanti.

Quando il cane è pronto, il trattamento sul corpo durerà circa 20 minuti. Nei giorni successivi alla seduta CBT dovrete lasciare al cane il tempo necessario per riposarsi, in cui può rigenerarsi, mentre il corpo elabora gli “impulsi” assimilati.

Il cambiamento principale avviene normalmente nelle prime 72 ore. Bisognerà attendere almeno 7 giorni prima di eseguire un'altra seduta. Normalmente sono sufficienti 2-3 trattamenti per ottenere i primi risultati significativi.

 

È possibile combinare la Canine Bowen Technique con altre terapie?

Nel periodo in cui il suo cane viene sottoposto a dei trattamenti di CBT, non dovrebbe fare nessun’altra terapia fisica (ad esempio: fisioterapia, massaggi, agopuntura, osteopatia, chiropratica, Tellington Touch).

Terapie in forma naturale come l’omeopatia, la medicina naturale o l’aromaterapia, possono essere intraprese nello stesso periodo in cui si tratta il proprio cane con la Canine Bowen Technique.

 

Di cosa bisogna ancora tener conto?

Il suo cane, dopo una seduta con la CBT, necessita di tranquillità, questo per elaborare in modo ottimale le informazioni percepite durante il trattamento. Nelle 2-3 ore successive al trattamento, bisognerà fare attenzione che il cane abbia la possibilità di riposarsi. 

Non praticare lezioni/allenamenti, cosi come attività intensive come Agility e/o altre attività che richiedono al cane uno sforzo fisico elevato. 

 

Prezzi:

Anamnesi (raccolta delle informazioni) + primo trattamento CBT                                          CHF 100. –

 

Trattamento Canine Bowen Technique                                                                                            CHF 80. -

 

Formulario per il veterinario

Qui di seguito trovate il formulario da compilare assieme al vostro veterinario da inviare per e-mail all’indirizzo info@altuofianco.ch